Piadina Romagnola in 15 minuti!

Piadina Romagnola in 15 minuti!

Difficoltà: Facile
Preparazione: 30 min
Cottura: 4 min
Dosi per: 6 pezzi
Costo: Molto basso

Farina 00 500 g Strutto 125 g Acqua a temperatura ambiente 170 g Sale fino 15 g Bicarbonato 1,5 cucchiaini
PREPARAZIONE

COME PREPARARE LA PIADINA FATTA IN CASA
Per realizzare la piadina romagnola, preparate l’impasto unendo in una ciotola la farina, il sale, lo strutto e il bicarbonato.
Iniziate a impastare e aggiungete l’acqua in volte, poi trasferite il composto sul piano da lavoro e continuate a lavorare fino ad ottenere un impasto omogeneo. Formate una palla, avvolgetela in un sacchetto per alimenti e lasciate riposare per 30 minuti.
Trascorso il tempo di riposo, rimuovete l’impasto dal sacchettino e formate un salsicciotto, poi dividetelo in porzioni uguali. Date a ogni porzione di impasto la forma di una pallina lavorandola per circa 30 secondi in modo che diventi liscia e uniforme, poi avvolgetele nuovamente con un sacchetto per alimenti e lasciatele riposare per altri 30 minuti.
Trascorso il tempo di riposo, infarinate leggermente il piano da lavoro e tirate le palline con un mattarello fino a uno spessore di 2-3 mm. Scaldate bene una piastra e nel frattempo stendete ulteriormente le piadine, poi coppatarle con un coppapasta del diametro di 22 cm.
Ora cuocete le piadine su un lato per 2 minuti, ruotandole continuamente con una mano per assicurare una cottura uniforme, poi giratele e cuocetele per 2 minuti anche sull’altro lato, fino a che non risulteranno leggermente dorate. Una volta cotte, impilate le vostre piadine una sull’altra e farcitele ancora calde!
CONSERVAZIONE
Le piadine si possono conservare in frigorifero, in un contenitore ermetico, per circa 2 giorni. Si possono congelare una volta cotte e lasciate raffreddare.
CONSIGLIO
Il bicarbonato non è essenziale ma serve a rendere l’impasto più fragrante. Se volete ottenere una piadina più morbida, potete sostituire parte della dose di acqua con del latte. Per una versione vegetariana, utilizzate 80 g di olio extravergine d’oliva al posto dello strutto. Se siete indecisi su quale ripieno scegliere, scoprite i 5 modi più sfiziosi per farcire la padina!
Osei Scampai – Pronti in 25 minuti!

Osei Scampai – Pronti in 25 minuti!

PRESENTAZIONE
COME PREPARARE Osei Scampai – Pronti in 25 minuti! 
Perchè si chiamano
Perchè si chiamano Uccelletti scappati o “osei scampai”? Leggi qui..

Gli uccelletti scappati sono degli spiedini di carne di origine antica, un secondo piatto molto diffuso in varie regioni d’Italia con piccole varianti a seconda del luogo.
Questi spiedini di carne devono il loro nome al fatto che in antichità si usava arrostire sugli spiedi gli uccelli cacciati e, in tempi di magra, si sostituirono i volatili con degli involtini di carne che, per forma, li ricordavano: gli uccelli , in quel caso erano ironicamente “scappati”.
In questa ricetta vi proponiamo una versione degli uccelletti scappati che si avvicina a quella lombarda.
Consigli per un primi piatto: Clicca qui

Difficoltà: Facile
Preparazione: 20 min
Cottura: 25 min
Dosi per: 4 persone
Costo: Basso

INGREDIENTI PER 4 SPIEDINI
Lonza di maiale in 12 fette 300 g
Salvia 12 foglie
Pancetta a cubetti 50 g
Pancetta (tesa) 12 fette
Luganega 75 g
Burro 35 g
Rosmarino 1 rametto
Vino bianco 50 ml
Pepe nero q.b.
Sale fino 1 pizzico

PER IL CONDIMENTO
Vino bianco 1/2 bicchiere
Burro 70 g
Rosmarino 2-3 rametti
Salvia 5-6 foglie
Pepe nero q.b.

PREPARAZIONE
COME PREPARARE GLI UCCELLETTI SCAPPATI 
“Osei Scampai” – Pronti in 25 minuti! 
Per realizzare gli uccelletti scappati iniziate tagliando a bocconcini la salsiccia, ne dovreste ottenere 16. Battete le fettine di carne, per non sfibrare la carne ponete le fettine su un foglio di carta forno, ripiegate il foglio e poi battete con il batticarne per renderle sottili.
Tagliatele a metà le fettine (cercate di ottenere delle strisce della larghezza di circa 6-8 cm), ponendo su ogni fetta ottenuta una foglia di salvia e 3-4 cubetti di pancetta: avvolgete le fettine di carne in modo da formare un involtino ( dovrete ottenerne 12).
Arrotolate su ogni involtino una fetta di pancetta affumicata . Infilzate l’involtino ottenuto su di uno stecco da spiedo, infilzate poi un pezzetto di salsiccia, un altro involtino , un pezzo di salsiccia e terminate con un involtino. Preparate, procedendo in questo modo, 8 spiedini. In un tegame piuttosto largo, ponete a fondere il burro unitamente alle foglie di salvia e ai rametti di rosmarino.
Aggiungete gli spiedini e fateli rosolare a fuoco dolce su entrambi i lati; quando saranno belli rossi, aggiungete il pepe macinato e spruzzateli con il vino bianco. Fate cuocere gli uccelletti scappati per circa 20 minuti totali, aggiungendo, se necessario, un poco di acqua calda o brodo bollente . Verso fine cottura aggiustate di sale e servite immediatamente accompagnando gli uccelletti scappati con della tradizionale polenta fumante oppure con del purè di patate.
Coniglio in umido – Cottura 50 minuti!

Stewed rabbit - Cooking for 50 minutes!

PRESENTAZIONE
COME PREPARARE IL CONIGLIO IN UMIDO
Perche il coniglio a Pasqua? Leggi qui..

Ecco una ricetta semplice e gustosa per preparare un ottimo coniglio in umido. Molto importante per la preparazione del coniglio è la rosolatura della carne che va insaporita con un trito di aromi e spezie, che con l’aggiunta del pomodoro creano un sughetto di accompagnamento del coniglio davvero saporito.
Per insaporare al meglio il coniglio in umido, durante la cottura viene aggiunto del brodo, che amalgama i sapori senza coprirli.
Consigli per un primi piatto: Clicca qui

Difficoltà: Media
Preparazione: 20 min
Cottura: 50 min
Dosi per: 4 persone
Costo: Medio

INGREDIENTI
Coniglio 1 kg
Olio extravergine d’oliva 5 cucchiai
Cipolle bianche 1
Alloro 2 foglie
Salvia 4 foglie
Rosmarino 2 rametti
Peperoncino fresco 1
Aglio 2 spicchi
Passata di pomodoro 400 g
Vino bianco 200 ml
Sale fino q.b.
Pepe nero q.b.
Brodo vegetale 500 ml

PREPARAZIONE
COME PREPARARE IL CONIGLIO IN UMIDO
Per preparare il coniglio in umido iniziate eliminando il grasso in eccesso dal coniglio, quindi estraete i rognoni, il cuore e il fegato che terrete da parte. Lavate il coniglio, tamponatelo con carta da cucina e tagliatelo a pezzi (oppure compratelo già a pezzi) . Mondate e tritate la cipolla, mettetela in una padella assieme all’olio e lasciatela appassire a fuoco basso per almeno 10 minuti senza che prenda colore. Aggiungete un trito fine di peperoncino, rosmarino, salvia, alloro e aglio, rosolate per un paio di minuti,
poi aggiungete i pezzi di coniglio e fateli dorare. Unite il vino bianco che farete evaporare, quindi aggiungete il pomodoro, salate e pepate e coprite con un coperchio.
Quando serve, aggiungete del brodo vegetale; a metà cottura, aggiungete il cuore, i rognoni, il fegato tagliato in due . Quando il coniglio sarà cotto, lasciate senza coperchio il tegame fino all’addensamento del fondo di cottura, poi aggiustate eventualmente ancora di sale e spegnete il fuoco.
Servite il coniglio accompagnato con della polenta, con del riso pilaf oppure con abbondanti fette di pane casereccio, che intingerete nel saporitissimo sughetto di cottura.
Torta salata con pasta brisee in 10 minuti!

Savory pie with brisee dough in 10 minutes!

Cosè la pasta Brisee o Brisè? Leggi Qui..
Gustosa e invitante la torta salata con pasta brisèe senza burro è sicuramente un escamotage veloce per un pranzo o una cena informale. Un ripieno tutto vegetariano come zucchine, scamorza affumicata, parmigiano e uova hanno contribuito a rendere la torta salata ancora più invitante. Per rendere la torta salata con pasta brisèe ancora più leggera sostituite le uova intere con soli albumi e sarà, comunque, buonissima.
Consigli per un primi piatto: Clicca qui
  • Preparazione: 15+ 30 (riposo della pasta) Minuti
  • Cottura: 25 Minuti
  • Difficoltà: Bassa
  • Porzioni: 6 persone
  • Costo: Basso

Per la Pasta Brisè

  • 200 g Farina 00
  • 80 g Olio extravergine d’oliva
  • 70 g acqua fredda
  • q.b. Sale fino

Per il Ripieno

  • zucchine medio-piccole
  • Scamorza affumicata
  • Uova
  • 50 g Parmigiano reggiano
  • cipolla
  • 2 cucchiai Olio extravergine d’oliva
  • q.b. sale e pepe
Preparazione
Per la pasta brisèe

In una ciotola setacciate la farina sale e olio, impastate fino ad ottenere un composto granuloso, a questo punto aggiungete l’acqua fredda e procedete ad impastare possibilmente non su un piano in legno perchè tende ad incollare l’impasto. Ottenuto il panetto di pasta brisèe avvolgetela in pellicola e lasciate riposare in frigo per almeno 30 minuti.
Spuntate le zucchine e lavatele in acqua fredda, grattugiatene quattro e l’ultima tagliatela a rondelle.

 

Per il ripieno della torta salata
In una padella scaldate l’olio poi soffriggete a fuoco dolce la cipolla tritata, aggiungete le zucchine grattugiate, sale e pepe e fatele asciugare dall’acqua di vegetazione a fiamma dolce. Quando risulteranno bene asciutte trasferitele su un piatto a raffreddare.
Tagliate a fettine la scamorza; in una ciotola sbattete le uova con sale e pepe e il parmigiano tenendone da parte due cucchiai.
Su carta da forno stendete, con il mattarello, la pasta brisèe poi trasferitela direttamente sulla carta nella teglia di cottura.
Accendete il forno a 200° in modalità ventilato.
Bucherellate il fondo della pasta con i rebbi di una forchetta, aggiungete le zucchine grattugiate, metà delle fettine di scamorza poi versate le uova e coprite con le rondelle di zucchine, ancora fettine di scamorza e infine spargete il parmigiano tenuto da parte.
Arricciate il bordo della pasta brisèe formando un decoro poi infornate per 25′ o fino a che la torta salata gustosa risulterà dorata in superficie.
Lasciatela intiepidire poi servitela a piacere.
en_USEnglish
it_ITItalian en_USEnglish
UA-162846901-1